Ultimi messaggi

Orlando, per l’Ucraina occorre pensare a strumenti nuovi – Europa

Orlando, per l’Ucraina occorre pensare a strumenti nuovi © ANSA

BRUXELLES – “Credo sia necessario insieme pensare anche a strumenti nuovi così come abbiamo fatto per rispondere alla pandemia adeguando anche le nostre regole di bilancio alle sfide che oggi si pongono”. Lo ha detto rispetto alla crisi dei rifugiati ucraini il ministro del Lavoro e delle politiche sociali Andrea Orlando, intervenendo al consiglio Occupazione, politica sociale, salute e consumatori a Bruxelles.

“Ci troviamo di fronte alla più grande crisi di rifugiati in Europa dalla seconda guerra mondiale. Il terribile dramma del popolo ucraino”, ha segnalato Orlando, “non rappresenta solo una conseguenza dell’aggressione militare russa è anche una sfida lanciata alla capacità dell’Europa di accoglienza e di coesione”.

“L’Italia ha sempre sostenuto l’esigenza di gestire in modo comune i grandi flussi migratori e l’accoglienza dei rifugiati”, “e naturalmente conferma questo orientamento in questa sede”.

“I nostri paesi a tutti i livelli, i governi le autorità locali le organizzazioni del terzo settore i singoli cittadini in primis nei paesi confidante, cui va il sostegno dell’Italia, stanno reagendo con generoso spirito di solidarietà”.

“L’Italia – ha anche ricordato Orlando – ospita 250mila cittadini di origine ucraina e dall’inizio di questa crisi sono 40mila quelli che hanno raggiunto il nostro paese. Dobbiamo rafforzare la resilienza e la coesione delle nostre società, dei nostri valori solidaristici di fronte alla crisi e alle sfide crescenti”.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Ultimo aggiornamento:

14 marzo 2022 11:30

]]>

Da non perdere