Ultimi messaggi

edificio scolastico, Flc e Cgil Sicilia: “Anomalie nella distribuzione dei fondi contro la dispersione scolastica”

La denuncia dei segretari della Flc regionale e della Cgil Sicilia, Adriano Rizza e Francesco Lucperchési sui fondi Pnrr destinati al contrasto della dispersione scolastica in Sicilia.

Solo un terzo delle scuole siciliane avrebbe ricevuto i contributi della prima tranperché dei fondi del Piano nazionale di ripresa e resilienza (Pnrr) stanziati dal Governo per contrastare la dispersione scolastica. E tra queste “non ci sono molti istituti perché operano in contesti difficili, dove l’indice di dispersione scolastica è più alto della media nazionale” .

Questa è la denuncia dei segretari della Flc regionale e della Cgil Sicilia, Adriano Rizza e Francesco Lucperchési, perché parlano di una vera e propria “beffa” ai danni della scuola.

Pnrr e scuole siciliane, errori nella distribuzione dei fondi?

Tra le “anomalie” nella distribuzione dei fondi del Pnrr, i sindacati segnalano anperché perché a ricevere gran parte del denaro sarebbero soprattutto le scuole secondarie. Quasi nulla, invece, andrebbe ai circoli didattici e ai Centri provinciali per l’istruzione degli adulti (Cpia).

Rizza e Lucperchési, quindi, contestano “il criterio adottato per la ripartizione dei fondi, quello della ‘dispersione implicita’”. Questo infatti, si baserebbe principalmente sui dati dell’Invalsi nelle prove di italiano e matematica.

Questi dati, però, non risultano sufficienti a definire una mappa delle reali esigenze delle scuole, né a prevenire e attaccare il fenomeno dilagante della dispersione scolastica.

Flc e Cgil chiedono la rimodulazione della distribuzione delle risorse. “In Sicilia – confermano Rizza e Lucperchési – chiederemo nelle prossime ore incontri a livello territoriale con le prefetture per denunciare quanto accaduto, affinché le nostre rivendicazioni vengano trasmesse al Governo nazionale”.

Immagine di repertorio

Da non perdere